Benefici della terapia di coppia

benefici della terapia di coppia prati cipro ottaviano psicologo psicoterapeuta

Terapia di coppia: stare insieme o lasciarsi?

Nel corso di una relazione amorosa, è del tutto normale incontrare ostacoli e sfide che possono metterci alla prova. Eventi interni o esterni possono ripercuotersi sulla coppia, arrivando in alcuni casi a comprometterne l’equilibrio e la stabilità.

La terapia di coppia rappresenta un’importante risorsa per affrontare i momenti di crisi, trasformandoli in occasioni di confronto e crescita che possono migliorare la qualità del rapporto con il proprio partner.

Prima di andare ad esplorare insieme quali siano gli effettivi benefici di una terapia di coppia, però, dobbiamo fare una doverosa premessa.

Non sempre la terapia di coppia funziona.

O meglio, non sempre questo tipo di percorso porta al risultato che ci si aspetta cioè a una pacificazione e riconciliazione tra i partner.

A volte, il viaggio insieme si conclude a un bivio dove ci si saluta per proseguire lungo strade diverse.

La separazione è uno degli esiti possibili, di cui si deve tenere conto.

Ma anche se alla fine si decide di lasciarsi, ciò non significa che la terapia di coppia sia stata un fallimento, anzi.

Come sottolineato dalla dottoressa Giulia Gregorini, psicologa e psicoterapeuta del Centro Il Filo di Arianna nell’articolo “Coppia, un fragile incastro di bisogni”, la terapia di coppia serve a raggiungere una maggiore consapevolezza di sé in rapporto all’altro, a far luce sul modo in cui ci relazioniamo con la persona che scegliamo come compagno o compagna di vita.

Detto questo, ecco i principali benefici di una (buona) terapia di coppia, affrontata da entrambi i partner con impegno e col sincero desiderio di far funzionare le cose.

Principali benefici della terapia di coppia: a cosa serve andare in terapia con il partner?

 La terapia di coppia consente di migliorare la comunicazione di coppia

benefici terapia di coppia miglioramento comunicazione partner psicologo psicoterapeuta roma prati cipro ottaviano
Immagine di freepik

Uno dei problemi più comuni delle coppie in crisi riguarda le difficoltà di comunicazione.

Ciascuno di noi è diverso per formazione ed esperienze di vita, valori e abitudini, tutte cose che nel tempo hanno modellato anche il nostro modo di comunicare.

Ciò significa che, anche se parliamo la stessa lingua, non sempre siamo in grado di capirci davvero, perché ciascuno di noi interpreta la realtà dalla sua prospettiva, attribuendo un proprio significato a parole, silenzi e comportamenti dell’altro.

Dunque, si va incontro a malintesi, fraintendimenti e litigi furiosi perché non si riesce a decifrare correttamente quel che vuole comunicarci il nostro partner.

Facciamo un esempio per chiarire meglio il concetto.

Immagina una giovane coppia, Anna e Marco (ma potrebbero anche essere Luca e Antonio o Federica e Sara).

Anna è cresciuta in una famiglia dove si discuteva di tutto apertamente, senza farsi troppi problemi. Marco, invece, proviene da un contesto familiare dove i sentimenti venivano raramente espressi ad alta voce e si preferiva non affrontare direttamente alcuni discorsi.

Entrambi hanno assorbito il modello dentro il quale hanno vissuto.

Dunque, quando c’è un problema o qualcosa che la affligge, Anna vorrebbe discuterne con il proprio compagno e confrontarsi con lui, ma ogni volta Marco tende a chiudersi in sé stesso e a farsi evasivo, sfuggendo il dialogo.

Una situazione del genere crea molta frustrazione a entrambi poiché lei si sente ignorata e non compresa, mentre lui ha l’impressione di essere sotto assedio continuo.

C’è chi tende a evitare il conflitto nel timore di rovinare il rapporto e finisce quindi per ripiegarsi su sé stesso, rinunciando a esprimere apertamente i propri pensieri ed emozioni, che vengono sepolte o represse.

In questo modo, però, rabbia e risentimento si accumulano fino a esplodere in modo molto dannoso per il singolo e per la coppia.

Ma c’è anche chi, invece, ha un atteggiamento più aggressivo e manifesta una tendenza ad accusare e criticare l’altro, addossandogli la responsabilità di ogni problema, incolpandolo di non riuscire a capirlo davvero nel profondo.

In molti casi, le discussioni continue e le litigate derivano dal fatto che non si riesce a mettere da parte il proprio punto di vista per accogliere quello dell’altro.

La terapia di coppia offre un ambiente sicuro in cui i partner possono esplorare e migliorare la loro comunicazione sotto la guida di un professionista esperto, senza timore di giudizio.

Compito del terapeuta è facilitare la comunicazione, garantendo a ciascuno la possibilità di essere ascoltato e compreso.

Dalla sua posizione privilegiata di osservatore esterno, il terapeuta può aiutare la coppia a identificare tutti quegli errori e comportamenti che compromettono la buona riuscita della comunicazione come l’ipercriticismo, il sarcasmo o la fuga nel silenzio.

 La terapia di coppia ti aiuta a comprendere come gestire i conflitti

benefici terapia di coppia gestione dei conflitti partner psicologo psicoterapeuta roma prati cipro ottaviano
Immagine di cookie_studio su Freepik

I conflitti sono inevitabili in qualsiasi relazione.

È del tutto normale, anzi è sano che vi siano divergenze in una coppia poiché essa rappresenta un’entità formata da due individui diversi, ciascuno con i propri bisogni e desideri che possono non coincidere perfettamente.

Non bisogna avere paura del conflitto, ma occorre imparare a gestirlo perché diventi una risorsa capace di cementare il rapporto anziché disgregarlo.

Anche in questo può risultare molto utile un percorso di terapia di coppia.

Il setting terapeutico, infatti, offre ai partner uno spazio sicuro e neutrale, all’interno esprimersi liberamente, aprendosi all’altro.

In questo contesto, il terapeuta agisce come mediatore, capace di ridurre l’intensità emotiva e di aiutare i partner a riconoscere le emozioni che li stanno dominando in quel momento e a riflettere sulle modalità utilizzate nello scambio.

Grazie al suo supporto competente, la coppia riesce ad andare oltre la superficie, indagando quelle che sono le radici del conflitto, che spesso ha a che vedere con aspettative irrealistiche o bisogni insoddisfatti, più che con il singolo evento che ha determinato il litigio.

Questo processo consente di affrontare insieme le vere cause del problema anziché concentrarsi solo sui sintomi, trovando una soluzione comune attraverso la negoziazione e il compromesso.

 La terapia di coppia permette di sviluppare le competenze relazionali

benefici terapia di coppia competenze relazionali psicologo psicoterapeuta roma prati cipro ottaviano
Immagine di freepik

La terapia di coppia mira anche a permetter ai partner di sviluppare competenze relazionali che li aiutino a costruire e mantenere una relazione sana e soddisfacente.

In particolare, oltre alla comunicazione efficace e alle tecniche di gestione del conflitto, essa ci apre alla prospettiva e quindi alla comprensione dell’altro.

I partner, infatti, vengono incoraggiati a mettere da parte i propri pregiudizi e preconcetti per calarsi nei panni del proprio compagno o compagna, in modo da vedere le cose dal suo punto di vista.

Ciò favorisce l’empatia, la comprensione e la connessione emotiva, elementi fondamentali per alimentare il rapporto.

La terapia di coppia consente di superare insieme i momenti di transizione

Ogni transizione comporta nuove sfide e può influenzare profondamente la dinamica della coppia.

Eventi come il matrimonio, la nascita del primo figlio, l’inizio di una convivenza ma anche un’improvviso trasferimento, la perdita del lavoro, una malattia, un lutto possono destabilizzare, determinando difficoltà significative che possono anche innescare una crisi di coppia.

In questo frangente, rivolgersi a un terapeuta di coppia può essere molto utile per uscire dall’impasse, trovando il modo di ridefinire il rapporto, trovando un nuovo equilibrio.

Immagine di copertina: Immagine di freepik